Da circa 1000 praticanti negli anni ’80 a 700.000 praticanti in questi giorni. Il surf ha sicuramente conquistato i portoghesi. Secondo l’ultimo studio effettuato, c’è stata una crescita esponenziale del surf che ha causato l’interesse dei cosiddetti grandi gruppi economici e quindi ha portato ad un graduale cambiamento nella struttura organizzativa dello sport.

Anche la Federazione portoghese di surf, mostrando buon senso e dopo un incontro tra il suo presidente e i massimi leader nazionali (che regolano le attività nelle spiagge), ha deciso di assegnare un massimo di 100 licenze per le scuole di surf per operare nel paese Ciò è dovuto al fatto che le scuole sono cresciute in modo incontrollato ed esponenziale. Secondo i responsabili di Surf National ci sono più di 500 scuole, rendendo il Portogallo il paese con la più alta densità di scuole di surf al mondo.

Per controllare questa attività, è stato deciso in un incontro che quest’anno 2019 il numero di licenze per le scuole di surf nella Costa portoghese per l’anno 2020 sarà di 100 unità.

“Questa misura aiuterà le spiagge ad avere una qualità superiore di insegnamento del surf, a differenza di quanto è accaduto finora dove vediamo scuole che considerano semplicemente il surf come un business, non trasmettendo i valori fondamentali”.

Chiesto come questa selezione o assegnazione di queste 100 licenze sarà fatta alle scuole, “Queste licenze saranno assegnate dalle zone (porti) e le scuole saranno contattate durante questo mese per questo scopo.” Alla fine vedremo diverse scuole in una determinata area ad essere obbligate ad aderire, con le scuole più adatte “.

Fonte: surftotal.it

Questo sito utilizza cookie di terze parti per scopi statistici

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close