Ti sarà inviata una password tramite email.

Un fascino irresistibile, uno stile da personalizzare, un mondo da scoprire: benvenuto nella guida skateboard di CityBeach.

Quattro ruote e una tavola di legno: detta così il mondo dello skate sembra piuttosto semplice. Eppure, data la moda e l’evoluzione tecnologica, questo universo fatto di lunghe pattinate sull’asfalto o di salti allo skatepark per un neofita può essere difficile da scoprire. Allora allaccia la cintura e partiamo alla scoperta di queste tavole.

Com’è fatto uno skateboard?

Abbiamo detto: una tavola e quattro ruote. Se fosse così l’operazione di scelta di uno skate si ridurrebbe alla grafica stampata o al colore. Invece, come potrai immaginare, ci sono molti altri elementi che variano e danno forma a un modello invece che a un altro.
Partiamo proprio da qui: com’è fatto uno skate? Cosa devo guardare quando ne valuto uno?
guida-skateboad-citybeach-01

1. Tavola da skateboard

Il deck è sicuramente la parte più evidente dello skateboard, tant’è vero che solitamente ne trovi immediatamente visibile le dimensioni, comunemente espresse in pollici. A parte questo, ci sono altri fattori che che variano in questo elemento:

  • materiale: a seconda della loro costituzione, la tavola assume diverse caratteristiche in robustezza e flessibilità. Il deck è solitamente costruito in legno, comunemente acero, e la variante più apprezzata è l’acero canadese per la sua resistenza.
  • lunghezza: da scegliere in base alla costituzione dello skater. Una persona alta richiede una tavola più lunga, un piede lungo necessita di una tavola più larga.
  • forma: dipende generalmente dalla tipologia e dalla finalità dello skateboard.

2. Gli attacchi

guida-skateboad-citybeach-03truck sono gli elementi che raccordano la tavola alle ruote. Sebbene appaia un elemento secondario, se ci pensi bene è da esso che dipende la stabilità dello skateboard. Ne esistono diversi tipi, per cui gli elementi che devi tenere a mente quando lo scegli (o scegli una tavola completa sono:

  • larghezza: quasi corrispondente a quella del deck;
  • altezza: ciò è in stretta relazione con le ruote e la loro dimensione;
  • bushings: sono dei piccoli gusci all’interno dell’attacco. Possono essere regolati per essere più morbidi e dare più maneggevolezza, o più rigidi ed ottenere più stabilità;
  • peso: questo fattore influenza la semplicità di compiere salti e “aerials”.

3. Cuscinetti

bearing sono degli anelli di metallo che si trovano nelle ruote che permettono loro di ruotare attorno all’asse del truck. Per valutarli è nato un parametro apposito: l’indice ABEC. Questo indice assegna ai diversi cuscinetti un valore che va da 1 a 11. La regola generale vuole che, per uno skate di buon livello, bisognerebbe scegliere un ABEC 5 o, meglio, almeno 7.

4. Ruote

In inglese wheels. Per la valutazione occorre avere di riferimento:

  • guida-skateboad-citybeach-03diametro: non solo perché in base ad esso varierà l’altezza dell’attacco, ma anche perché le ruote più grandi sono più veloci. Al contrario, ruote più piccole abbassano il baricentro e sono più sicure per uno skate da strada.
  • durezza. L’ultimo parametro della guida skateboard è la durezza o morbidezza della ruota, espressa con un numero seguito dalla lettera A: più è alto il numero, più dura sarà la ruota.
    In linea di massima è necessario sapere che una ruota più dura è più veloce e resistente, ma offrirà meno presa sull’asfalto offrendo anche una minore ammortizzazione; viceversa una ruota più morbida.

Guida skateboard: modelli skate e usi

Fin qui abbiamo illustrato le componenti di uno skateboard, utili soprattutto se desideri assemblartelo da solo o da valutare nella scelta di una tavola completa. L’opzione più semplice, infatti, se stai ponderando di acquistare uno skateboard, è prenderne in considerazione uno già pronto all’uso.

Ad ogni modo ne esistono diversi per diversi utilizzi.

Skateboard classico o freestyle

Si tratta dello skateboard per eccellenza, quello di Bart Simpson, quello dell’immaginario

guida-skateboad-citybeach-04

collettivo. E per un buon motivo: essendo il più semplice da usare, è sicuramente quello cn cui vale la pena iniziare.

Le caratteristiche sono:

  • Ruote piccole e abbastanza dure
  • Tavola con punta rialzata sia avanti che in coda (maggiormente in coda per facilitare i trick)
  • Lunghezza che varia dai 27″ ai 30″
  • Cuscinetti con misurazione bassa, tipicamente ABEC 5.

Pro

  • Ideale per skatepark e rampe
  • Agile e leggero
  • Prezzo accessibile

Contro

  • Scomodo sulle lunghe percorrenze
  • Difficoltà maggiore che nel longboard
  • Raggio di curva ridotto


Cruiser

I Cruiser sono degli skateboard con ruote più grandi e morbide, perciò adatti su strada e per spostamenti. In genere sono molto compatti per essere comodi da portare con a mano o nello zaino apposito.

guida-skateboad-citybeach-04Le caratteristiche sono:

  • Dimensioni ridotte (anche molto ridotte nelle versioni Mini-Cruiser)
  • Ruote grandi
  • A volte presentano una coda posteriore
  • Pensato per spostamenti agili

Pro

  • Ideale per spostarsi in città
  • Agile e leggero
  • Trasporto comodo

Contro

  • Non ideale per skatepark
  • Non ideale per trick
  • Inadatto a lunghi tragitti


Surfskate

Il surfskate uno dei tipi di skateboard introdotto più di recente, ma anche quello di maggior successo dopo lo skateboard tradizionale. Sono molto apprezzati da chi è alle prime armi trattandosi di tavole divertenti, e da chi fa surf.

Le caratteristiche sono:guida-skateboad-citybeach-04

  • truck con raggi di curvata molto generosi e, di conseguenza
  • stabilità ridotta
  • possibilità di muoversi semplicemente sfruttando l’effetto snake, ossia accelerando semplicemente curvando a destra e sinistra velocemente.

Pro

  • Curve ampie
  • Dona la sensazione del surf
  • Accelera facilmente senza doversi spingere col pumping

Contro

  • Stabilità ridotta
  • Non ideale per trick
  • Inadatto a lunghi tragitti


Longboard

La classificazione di questi skateboard è abbastanza complessa, in quanto rientrano nella categoria molti modelli. Per la nostra guida skate, però, possiamo dire che in linea di massima i longboard sono tavole più lunghe di un normale skate con ruote morbide e truck reverse kingpin, questo gli permette di curvare di più di un normale skate. I più classici, ad ogni modo, e più facili da riconoscere, sono i cosiddetti pintail, quelli a forma di surf.

guida-skateboad-citybeach-04Caratteristiche principali:

  • lunghezza superiore allo skateboard classico
  • ruote morbide
  • agilità in curva superiore allo skate normale ma inferiore al surfskate.

Pro

  • Semplicità d’uso
  • Ideale per lunghe percorrenze
  • Resistente nel tempo
  • Ottima resa anche su fondi irregolari

Contro

  • Prezzo alto
  • Agilità in curva
  • Non adatto agli skatepark


Guida skateboard by CityBeach

Ora che sei arrivato alla fine della nostra guida hai due possibilità:

  1. Sei pronto a lanciarti sulla tua nuova tavola: non ti rimane che trovare quello adatto a te nello shop online;
  2. hai ancora qualche dubbio: lascia un commento sotto l’articolo e parliamone insieme!

Questo sito utilizza cookie di terze parti per scopi statistici

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close