l meteo è come la borsa. Ogni giorno c’è una sorpresa. Da qualche emissione stiamo seguendo con particolare interesse il potenziale episodio invernale che potrebbe attivarsi sul finire del Ponte dell’Immacolata e farci compagnia sino alla metà del mese.

C’è stato un momento nel quale tutti i modelli prevedevano un’evoluzione decisamente votata ad una retrogressione di masse fredde dai quadranti orientali, coadiuvate da un anticiclone di blocco in sede scandinava e accompagnata dalla formazione di aree depressionarie sul nostro Paese, foriere anche di precipitazioni nevose.

Ora questo quadro è un po’ cambiato, si è addolcito,è diventato insomma meno estremo, alcuni modelli (come spesso succede quando si parla di irruzioni fredde) lo hanno addirittura cancellato, proponendo l’assalto delle correnti miti da ovest senza se e senza ma.

In realtà smontare tutto l’impianto su “due piedi” non sarà così facile: i principali modelli lo ripropongono ancora, dapprima con risvolti ventosi e freddi un po’ ovunque, ma con neve a quote basse solo in Adriatico e al sud; poi presentando anche una “macchinosa” interazione con l’Atlantico e con tanto di neve da addolcimento al nord.

L’importante al momento è capire: ci sarà o no questo affondo freddo da nord? La risposta è probabilmente SI, ma quel “probabilmente” non vale oltre il 55%, perché la situazione è più che mai caotica e l’Atlantico non ha molta voglia di farsi BLOCCARE

 

 

 

FONTE ARTICOLO: http://www.meteolive.it

Questo sito utilizza cookie di terze parti per scopi statistici

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close